piazza dei miracoli pisa

Piazza dei Miracoli a Pisa

Architettura, Architetture italiane , , ,

Ieri sera, come gran parte di voi, ero davanti alla televisione a guardare “le Meraviglie” di Alberto Angela, e ho scoperto che avrebbe parlato di un posto a me molto conosciuto, amato e odiato: Piazza dei Miracoli a Pisa. Dico “conosciuto, amato e odiato” non a causa dei campanilismi toscani (dicono che fra i lucchesi e i pisani non scorra buon sangue): ho studiato a Pisa, e la Facoltà di Ingegneria è molto vicina a questa piazza. Per tutta la puntata sono tornata con la mente al corso di Storia dell’Architettura, dove la Prof. ci portò nella piazza, per fare una lezione in loco.

Grazie all’aiuto di “Alberto”, alle mie reminescenze e gli appunti del mio esame (ho sotto gli appunti), parlerò di questi monumenti, e magari anche di qualche piccolo aneddoto legato alla piazza.

piazza dei miracoli pisaLa Piazza dei Miracoli

La Piazza del Duomo, o “Prato dei Miracoli”, come fu rinominata da Gabriele D’Annunzio, è stata fin da sempre considerata un centro religioso, dove erano rappresentate le fasi importanti della vita: il Battistero (la nascita), il Duomo (la vita) e il Campo Santo (la morte). Naturalmente nella Piazza è presente anche la Torre Pendente, monumento conosciuto in tutto il mondo.

La Torre Pendente

La Torre è famosa in tutto il mondo per la sua inclinazione, dovuta al cedimento del terreno, di tipo sabbioso e argilloso (ricordo che Pisa era una Repubblica Marinara). Si tratta di un’inclinazione di circa 4 gradi rispetto all’asse verticale, spesso corretta negli assi da contrappesi alle estremità per ridurre la pendenza.

Torre di Pisa in Piazza dei Miracoli

La Torre nasce come campanile del Duomo, è alta 56-58 metri ed è stata costruita tra il XII e i XIV secolo. E’ possibile arrivare alla sommità, percorrendo gli otto piani tramite una scala a chiocciola, da dove è possibile osservare la piazza dei MIracoli dall’alto. Essendo il campanile del Duomo,sono presenti anche sette campane.

Il Duomo

Il Duomo è dedicato a Santa Maria dell’Assunta, ha il tipico stile romanico pisano, bianco e nero. Anche la Chiesa ha avuto un leggero dissestamento del terreno, come è successo alla Torre, ed è visibile nel lato ovest e nella facciata.

La chiesa ha una struttura a cinque navate, con abside e transetto a tre navate. Tutto l’interno è rivestito da marmi bianchi e grigi, con colonne monolitiche in marmo grigio, capitelli di ordine corinzio e archi a sesto rialzato. Al di sopra degli archi sono ancora ben visibili i matronei. Il soffitto a cassettoni è del 1600, ricostruito dopo un incendio in legno dorato, ed è presente lo stemma della famiglia Medici.

Nel punto centrale di incontro tra i transetto e il corpo centrale si trova la cupola, dove la leggenda dice che Galileo Galilei formulò la teoria dell’isocronismo del pendolo, osservando l’oscillazione del lampadario che scendeva dal soffitto. Ancora oggi è presente la Lampada di Galileo, anche se non è quella originale.

Duomo PisaIl Battistero

Davanti al Duomo si trova il Battistero, dedicato a San Giovanni Battista. Ha il diametro del Duomo (si tratta del Battistero più grande in Italia), e ha una cupola troncoconica, ricoperta in parte da tegoli rossi e in parte da lastre di piombo: pare che questa differenza sia stata per mancanza di soldi per ultimare il tetto.

Anche il Battistero è leggermente inclinato, a causa del terreno.

Battistero Pisa

L’interno è molto semplice e privo di decorazioni: è presente un’aula circolare, con 12 pilastri (che rappresentano i 12 apostoli) e archi a tutto sesto, e il matroneo. Al centro dell’aula c’è il fonte battesimale a immersione, di forma ottagonale, e il pulpito di Nicola Pisano.

Il Battistero è famoso anche per la sua acustica e per l’eco e il riverbero: solitamente i guardiani ogni mezz’ora fanno un’intonazione vocale per far sentire il perfetto effetto sonoro che si crea.

Il Campo Santo monumentale

Il Campo Santo è il cimitero monumentale di Pisa; il nome deriva dalla presenza di terra portata dalla Terrasanta, dall’Arcivescovo Ubaldo Lanfranchi nel XII secolo.

campo santo pisa

Il Camposanto è in marmo bianco, con 43 arcate cieche e due porte. Il suo interno è simile a un chiostro, con arcate a sesto acuto molto decorate. Lungo i corridoi sono presenti diversi sarcofagi romani, mentre nei pavimenti vennero sepolte le maggiori personalità cittadine,come i rettori, docenti dell’ Università di Pisa, i governanti e le famiglie più in vista di Pisa.

Nel 1360 vennero aggiunti gli affreschi nei corridoi, con soggetti legati alla vita e alla morte: quello più famoso è di Buonamico Buffalmacco con il Trionfo della morte.

Qualche aneddoto

Sul lato nord della facciata del Duomo sono presenti dei buchini neri: la leggenda vuole che siano i segni delle unghie del diavolo, che tentò di arrampicarsi sul Duomo per impedirne la costruzione. Il numero di queste “unghiate” è circa 150: dico “circa” perché sempre secondo la leggenda il numero cambia, per un dispetto del diavolo. Dipende se vengono contati tutti i buchi, anche quelli più leggeri.

Esistono degli aneddoti legati al mondo dello studio e universitario: gli studenti universitari di Pisa non possono montare sulla Torre prima della laurea: ogni piano montato, è un anno fuori corso!

Tutti gli studenti che devono affrontare l’esame di Stato si ritrovano in piazza dei Miracoli ai 100 giorni dalla prova finale, per una sorta di rito scaramantico. Il rituale voleva che gli studenti dovessero toccare la lucertola a due code di bronzo, sul portone del Duomo. Purtroppo in quei giorni non è più possibile avvicinarsi al portone, e il prato si riempie di studenti che ripetono attività per 100 volte: 100 giri attorno alla torre, 100 addominali, 100 baci ai passanti, e chi più ne ha,più ne metta.

In Piazza dei Miracoli sono presenti anche due musei: il Museo delle Sinopie e il Museo dell’Opera del Duomo

Bene, il mio pomeriggio in mezzo ai ricordi universitari è finito, e devo ringraziare Alberto Angela (che non mi leggerà, ma lo ringrazio lo stesso) per avermi riportato a prendere in mano gli appunti per scrivere tutto questo. A voi non resta che programmare una visita a Pisa, per visitare la Piazza dei Miracoli e tutti i monumenti presenti.

Ingegnererrante

Annunci

38 thoughts on “Piazza dei Miracoli a Pisa

  1. Mamma mia, sono salita sulla torre prima di laurearmi, per fortuna è andata bene!! >__<
    Sapevo del rito della lucertola, ma non avevo mai sentito parlare delle unghiate del diavolo!
    Comunque Pisa è sempre bellissima, ho tante ottime scuse per tornarci 🙂

Se ti è piaciuto o hai domande sul post, lascia un commento. Sarò felice di leggerti e risponderti!